lunedì 1 ottobre 2012

"Questo non è il mio corpo" di Moyoco Anno

Sebbene penso che Moyoco Anno sia una delle autrice di genere Josei più sopravvalutate in Italia (basti pensare a "Happy Mania", un manga che ho interrotto dopo 4 volumi perchè la protagonista era a dir poco insopportabile...), quando ho letto "Questo non è il mio corpo" sono stata molto soddisfatta. Un tipo di soddisfazione come quando mangi qualcosa e ti riempi per bene lo stomaco. Infatti ogni tanto, a distanza di anni, me lo rileggo sempre con piacere, stando magari attenta a dettagli che avevo perso.

La protagonista lavora in ufficio dove quasi tutte le colleghe sono belle ragazze. Lei invece è in sovrappeso, il che non è certo un problema. Il dramma sta nel fatto che ogni difficoltà, in primis le discussioni con il suo fidanzato, la portano a sfogarsi con il cibo, mangiando di tutto e di più. Quando Noko (il nome della protagonista) scopre che l'antipatica gatta morta Mayumi, sua collega, ha avuto una tresca con il suo ragazzo, la donna decide che è arrivata l'ora di cambiare drasticamente la sua vita, dimagrendo.
Si iscrive dunque ad un programma per perdere peso in un centro gestito da due donne lesbiche; ovviamente una dieta ben ponderata e sana mostra i risultati solo alcuni mesi. La ragazza è scoraggiata da questa "lentezza" nel perdere peso e ad un certo punto comincia a vomitare quello che mangia: in poco tempo diventa magra ma anche bulimica.
In ufficio non la riconoscono quasi piu', ma ormai lei è entrata in un vortice distruttivo e il suo rapporto d'odio e amore con Saito, il suo ragazzo, rende tutto il piu' difficile.


Manga di questo tipo se ne leggono davvero pochi, lo consiglio a tutti quanti. Soprattutto perché di problemi alimentari se ne parla davvero poco in generale, tanto meno nei manga. E poi appunto per il fatto che è dannatamente reale e tutti quanti, anche chi non ha avuto di questi problemi, puo' immedesimarmi nei sentimenti della protagonista.


L'edizione italiana è ottima, come tutte quelle della collana Manga San della Kappa Edizioni: copertina rigida senza sovra coperta, ottima rilegatura. Costa tantino (9,50) ma ci sono molte piu' pagine rispetto agli altri volumi della suddetta collana. Vorrei tanto che uscissero altri titoli simili ma penso che sarà solo un mio miraggio (ma spero di sbagliarmi). Consigliatissimo! 



"Questo non è il mio corpo" (titolo originale: "Shibou toiu na no fuku wo kite")
Volumi pubblicati: 1 (volume unico)
Pubblicato in Italia dalla Kappa Edizioni.

***Lettura consigliata ad un pubblico MATURO***

Storia: 10
Disegni: 8
Edizione Kappa Edizioni: 9




2 commenti:

  1. Questa è l'unica opera della Anno che ho preso. Un po' perchè Happy Mania non mi ispirava proprio dalle copertine, un po' perchè altri manga suoi non mi sono capitati in mano. In ogni caso l'ho trovato molto interessante e maturo. Tratta in modo sintetico ma non superficiale un argomento molto importante come quello dell'anoressia ^^

    RispondiElimina
  2. Si guarda con "Happy Mania" non ti sei persa nulla....Al di là dei disegni che si possono amare o odiare (a me il suo stile di disegno non piace, ma ovviamente non pregiudica la storia) ma "Happy mania" proprio era la superficialità fatta a manga...

    Esatto mi piace quando i manga trattano argomenti importanti come appunto l'anoressia, i disturbi alimentari o altre cose del genere.

    RispondiElimina