venerdì 28 dicembre 2012

Wish I Could Read...[Parte 10]

Primo titolo:


"Yokohama Monogatari" [trad: "Storia di Yokohama"]
Autrice: Waki Yamato
Status: 8 volumi (serie conclusa)
Genere: Shoujo/Dramma/Storico
Editore: Kodansha [rivista: "Shoujo Friends"]
Anno: 1980


 Dopo la tragica perdita dei propri genitori, Uno, una tranquilla adolescente, si trasferisce in casa Kanou dove a farle compagnia c'è la vivace Mariko, una sua coetanea. Malgrado le differenze, fra Uno e Mariko nasce da subito una grande amicizia e sarà proprio questa a far vivere alle due tante avventure, spesso anche drammatiche, in un Giappone di fine '800, diviso da un forte tradizionalismo e un forte desiderio di occidentalizzazione. [trama by Animeclick]


Secondo titolo:


"Diva" 
Autrice: Hiromu Ono
Status: 6 volumi (serie conclusa)
Genere: Shoujo/Dramma
Editore: Kodansha [rivista: "non pervenuta"]
Anno: 1989


Dall'autrice di "Lady Love".


Lima è nata in una famiglia di musicisti; sua madre era una diva mondiale dell'opera e suo padre un famoso violinista. Il sogno di Lima di diventare una famosa violinista, come il padre prima della sua morte, fu spazzato via dopo un incidente d'auto, dove il padre perisce. Lima, complice il destino, diverrà proprio come la madre ovvero una famosa diva d'opera e comincerà a confrontarsi con sua madre, che non ha mai mostrato amore nei confronti della figlia.

Di questo manga esiste anche un breve sequel (solo un volumetto) intitolato "La Boheme - Zoku Diva" uscito nel 2005.



Terzo e ultimo titolo:




"Daisuki!! Yuzu no Kosodate Nikki" [traducibile come "Mi piace!! Il diario di Yuzu"]
Autrice: Mizuho Aimoto
Status: 17 volumi (serie conclusa)
Genere: Josei/Dramma/Slice of life
Editore: Kodansha [rivista: "BE LOVE"]
Anno: 2005

Yuzu è una giovane donna ventitreenne che soffre di un ritardo mentale: per questo i suoi pensieri e il suo comportamento sono rimasti quelli di una bambina di otto anni. Un giorno Yuzu incontra Sosuke, un ragazzo che ha il suo stesso handicap; i due si innamorano, ma Sosuke muore in un incidente e dopo la tragedia, la famiglia di Yuzu scopre che la ragazza è incinta di cinque mesi. 
Inizialmente la madre Miyoko insiste affinché Yuzu abortisca ma la giovane si rifiuta, e intende portare avanti la gravidanza. Infine, la famiglia ne accetta la condizione e il manga ci mostra gli sforzi di Yuzu nell'allevare l'amata figlia Himawari, nonostante tutti i suoi limiti fisici e mentali. [trama by Animeclick]

Nel 2008 dal manga è stato tratto un omonimo drama televisivo andato in onda in 10 episodi.


8 commenti:

  1. Il primo mi piace perchè i manga storici non si rifiutano mai, ma l'ultimo è davvero interessante!
    Difficilmente si trovano certi temi in un manga!

    RispondiElimina
  2. Si infatti, se proprio devo scegliere (stile pistola puntata alla testa XD) scelgo senza ombra di dubbio l'ultimo titolo...Deve essere assai interessante anche se forse un po' troppo lunghetto.

    RispondiElimina
  3. L'ultimo pare interessante,ma dalla trama avrei pensato fosse più breve,17 volumi sono tantini...

    RispondiElimina
  4. Si infatti non vorrei che ad un certo punto si trasformasse in una Soap...ma tanto non lo sapremo mai XD

    RispondiElimina
  5. L'ultimo mi sembra davvero una storia particolare e interessante. Non si parla praticamente mai di handicap ma è un tema che offre molti spunti. Visto che qui da noi difficilmente arriverà (visto anche il numero di volumi) magari mi cerco il dorama ^^

    RispondiElimina
  6. infatti mi sa che ci dovremmo buttare sul dorama cara Acalia <3 ^__^ il tema è troppo ostico per il pubblico italiano -.-

    RispondiElimina
  7. waki yamato nooo! basta per pietà! sinceramente n.y. komachi è stato talmente noioso che non leggerò mai più nulla di questa autrice.
    l'ultimo mi farebbere deprimere... il secondo boh... insomma qui passerei tutto -_-

    RispondiElimina
  8. L'ultimo mi incuriosisce molto vista la particolarità del tema trattato. Yokohama Monogatari (per quello che ho letto) è un ottimo manga: è una Yamato "seria" e quindi quasi inedita per il pubblico italiano, avvezzo solamente alle sue opere più comiche (come N.Y. Komachi).

    RispondiElimina