giovedì 8 agosto 2013

"Non Ucciderò Più Le Uova" di Ayuko

Ho comprato questo one-shot sulla fiducia, visto che gli altri volumi unici di Ayuko mi erano piaciuti abbastanza (certo, alcune storie erano molto piu' belle di altre, che invece erano noiose) ma è normalissimo che in un one shot non tutte le storie possano essere all'altezza di quella che ci è piaciuta di più.

Però questo "Non ucciderò più le uova" l'ho trovato abbastanza insipido, e non c'è una storia che mi abbia catturata in modo convincente...

Il volumetto/sottiletta (è davvero sottile!) consta di 4 storie. La prima si intitola "Oggi che giorno è?" ed  è il racconto piu' breve. La classica storia d'amore tra i banchi di scuola, che non decolla e rimane piuttosto indifferente.

La seconda storia, una delle piu' belle, si intitola "Una Gardenia per Marika".  Anche qui Ayuko affronta il tema della morta prematura e del "diventare fantasma". In questo caso una ragazza morta non ne vuole proprio sapere di schiattare e rimane sospesa. L'unica che puo' vederla è una sua compagna di scuola, vittima di bullismo. Lo spirito si impossessa di lei perchè sa che l'unico modo per "non passare dall'altra parte" è impossessarsi di un altro corpo. Ma cosa deciderà alla fine la ragazza?

Il terzo racconto, "Il mio tempo con Watari", parla di una ragazza che deve ospitare un ragazzo di nome Watari, in arrivo in Giappone dalla Finlandia, dove aveva vissuto. Watari è un genio ma è anche misantropo, parla poco o nulla. La protagonista cerca di avvicinarsi a lui cercando di coinvolgerlo anche con lo studio, ma sembra impossibile. Bah, mi ha lasciato abbastanza indifferente e ho scoperto che Ayuko da poco ne ha pubblicato un sequel...Siccome il finale era abbastanza aperto a questo punto sarei anche curiosa di leggerlo ;)

L'ultimo racconto che ha lo stesso titolo dell'intero volumetto, è sicuramente il piu' riuscito (e anche il piu' originale).
Parla degli autori di fumetti e dei loro personaggi. Soprattutto che cosa penserebbero o farebbero i personaggi di quelle storie lasciate a metà dagli autori, oppure riposte in qualche anfratto della casa e mai piu' prese in mano?
Si vede una specie di "mondo" dove questi personaggi sostano. Se la storia è interessante si vede che il personaggio sparisce per tornare "a essere protagonista", sennò rimane in un limbo.
La ragazza intrappolata in questo limbo è la protagonista di una storia ritenuta noiosa, fino a che l'autrice... Non anticipo nulla perchè è una storia che merita di essere letta, con tanti spunti originali e molto fascino.

E l'edizione Flashbook è nella media...La carta usata da loro negli ultimi tempi non mi piace per niente....Il volume è abbastanza breve (160 massimo 170 pagine) e il prezzo (6,90 €) mi sembra esagerato per il volumetto in questione.

Un volume unico che rasenta a stento la sufficienza.

"Non ucciderò piu' le uova" (titolo originale: "Mou tamago wa Korosanai")
Volumi pubblicati: 1 (volume unico)
Pubblicato in Italia dalla Flashbook.


Storia: 6 (voto inteso come la somma totale dei quattro racconti)
Disegni: 8
Edizione Flashbook: 6,5








9 commenti:

  1. E, di nuovo, sono contenta di non essermi fatta tirare dal fatto che era solo un volume unico ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava^^ anche se ovviamente non è paragonabile alla schifezza della Sakurada. Sono due mondi diversi.

      Elimina
  2. Le mie storie preferite di questo volume sono state la prima (ebbene sì, è una storiellina brevissima e forse abbozzata ma l'ho trovata molto realistica e quotidiana -magari a noi adulti certe situazioni sembrano banali e insipide, ma se mi metto nei panni della giovane protagonista è una storia "col dramma dentro" XD) e l'ultima.
    Quella col genio scontroso l'ho trovata insopportabile (i giapponesi hanno una vera e propria fascinazione per questo tipo di personaggi, io li trovo piuttosto snervanti). Quella col fantasma mi ha lasciato del tutto indifferente.
    Insomma, anch'io l'ho trovato un volume tutto sommato piacevole ma niente di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti la prima storia, per quanto non mi sia piaciuta, è senza dubbio la piu' realistica di tutte le altre.
      Anche io odio le tipiche situazioni da "terza storia" ovvero studentessa che per una serie di motivi (originali...) deve ospitare uno studente (guarda caso antipatico o con problemi relazionali). I giapponesi in queste cose ci sguazzano, specie se poi scoppia la scintilla XD

      L'ultima è sicuramente la piu' originale^^

      Elimina
  3. Io non l'ho ancora letto ma ora mi sento triste nell'averlo cmq preso.. :s

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Nyu, magari a te piace ^____^ io però non l'ho trovato all'altezza degli altri lavori di Ayuko. Oggi dovrebbe arrivarmi il n. 1 di "Citrus", sono curiosa...^^

      Elimina
  4. Ciao! Ogni tanto passo a leggere il tuo blog ma fino ad ora non avevo mai commentato >//< spero non ti dispiaccia se passo di qui ogni tanto a lasciare un commento ^^
    Questo volume unico non sembra male...quella che mi attira di più è l'ultima storia :) quando lo avevano annunciato il titolo così strano mi aveva incuriosita molto°°

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati non mi dispiace per niente! Anzi passa e commenta quando vuoi ;)
      Ho visto il tuo blog, è molto carino! Adoro le gif animate ^___^

      Si l'ultima storia è la piu' bella ;)

      Elimina
    2. Grazie mille! *_*
      Lo stesso vale per me, quindi quando ti va e se ti va lascia pure un commento nel mio ^^ anche se non è che lo aggiorni spesso XD in genere preferisco bazzicare sui blog altrui, sono più interessanti XD

      Elimina