martedì 1 ottobre 2013

"Fostine" di Chieko Hara

C'era una volta la Star Comics quando pubblicava shoujo classici. Autrice sbagliata certo, ma poter tenere per le mani un manga vintage, sfogliarlo e vedere occhioni, petali di fiori e rose come sfondo è qualcosa (per me) di indescrivibilmente bello.
Non ho un'adorazione per Chieko Hara, idem per la piu' famosa Yumiko "Candy Candy" Hiragashi. Ma nonostante i mille stereotipi del caso, le loro storie si fanno leggere (almeno la maggior parte) ed è questo l'importante.

La protagonista di "Fostine" è appunto una ragazza che si chiama così [ma va? XD] solo che lei ancora non sa di chiamarsi così. E' infatti stata allevata da una famiglia di zingari, che salvarono lei e sua madre da morte certa. La vera mamma della ragazza è infatti morta dopo esser scappata da un tentato omicidio. Le ultime cose che la mamma dice prima di morire sono tipo "questa bambina si chiama Fostine, prendetela vi prego. Allego un bellissimo ciondolo in omaggio" [LOL] beh il senso è questo ma il ciondolo davvero glielo lascia.
Ribattezzata Folie, la ragazza cresce appunto con gli zingari, andando in giro per i paesi dell'Austria tra canti, balli e spettacoli vari.
Folie ha un fratello acquisito di nome Mirko, che sa la verità essendo piu' grande. La ragazza ha il vezzo di esibirsi al pianoforte, mentre gli altri zingari fanno i loro spettacoli. Questa sua peculiarità è il punto di forza dei loro show, e tutti applaudono questa strana ragazza bionda e con gli occhi chiari, così in contrasto con tutti gli altri gitani.

Un giorno, ad un'importante festa di paese, Folie si imbatte nel giovane conte Frederick Branche e ne rimane affascinata. Anche il ragazzo viene colpito dalla bravura smisurata di Folie nel pianoforte, ma ancora di piu' ci rimane di sasso quando trova per caso il suo ciondolo per terra, un prezioso monile con la scritta "Fostine" sul retro.
Frederick fa due conti e capisce bene come stanno le cose: Folie in realtà è proprio Fostine, la figlia del Gran Duca d'Austria e di sua moglie Anna, una pianista assassinata. La cosa grave è che la colpa di questo omicidio è stata imputata proprio al padre del ragazzo, che per la vergogna è morto dichiarandosi sempre innocente e facendo sprofondare la famiglia tra i reietti della società.

In questa sequela di intrighi, morti tragiche e amori ritrovati si dipana la storie di "Fostine", edita in 3 volumi dalla Star Comics.

L'edizione non mi è piaciuta molto. C'è da dire che è stata presa a "modello" l'edizione bunko, quindi ogni volume consta di circa 230 pagine. Il formato però  (e per fortuna) è il 13x18. La cosa orrida è che probabilmente la casa editrice non aveva a disposizione molte illustrazioni a colori per la copertina, se non che quelle minuscole dell'edizione bunko. Quindi ha *intelligentemente* pensato di usare tali illustrazioni in un formato piu' grande, sacrificando le bellissime illustrazioni della Hara e creando un titolo/logo molto ampio, con dei ghirigori tutt'intorno.
La qualità della carta non m'è piaciuta per nulla e non è costante....mi spiego meglio: in certi momenti la carta pare accettabile ma in altri sembra carta riciclata della peggior fattura, ruvida al tatto e con una pessima resa.
Insomma si poteva fare decisamente meglio, specie per una casa editrice con le risorse della Star Comics.

Il tratto di Chieko Hara, come dicevo nell'incipit, è una gioia per gli occhi. Ci sono tutti quegli elementi degli shoujo anni 70/80 che tanto mi piacciono, a partire dai vestiti improbabili delle protagoniste (la storia penso sia ambientata nel 1800) e di tutti quei meravigliosi orpelli quali fiori, rose e via dicendo.

Un manga che comunque mi sento di consigliare solo a chi ha una predilezione per gli shoujo di stampo vintage, che comunque in Italia sono sempre ben accetti.

"Fostine"
Volumi pubblicati: 3 (serie conclusa)
Pubblicato in Italia dalla Star Comics.



Storia: 6,5
Disegni: 8,5
Edizione Star Comics: 6,5




13 commenti:

  1. Molto interessante. Devo dire che i shojo vintage comunque hanno sempre il loro fascino e la storia degli ziangari mi intriga. Se mi capita in fiera, sicuramente ci farò un pensierino, ora che so di che cosa parla (e poi è una mini di tre numeri, non è neanche un acquisto impegnativo) ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No infatti 3 numeri si leggono davvero velocemente e la storia scorre via. Il voto finale non è altissimo perchè certi personaggi alla fine sono solo "macchiette" per allungare di un paio di pagine la storia, cosa tipica di quei tempi però XD

      Elimina
  2. Come Acalia, se lo troverò su qualche fiera/bancarella lo comprerò, ormai mi sto appassionando ai manga vintaggi :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Babol! Benvenuta nel mio blog ;) I manga vintage hanno sempre il loro fascino, non c'è che dire! Il tuo blog è davvero molto dettagliato, complimenti!

      Elimina
  3. La cosa degli zingari sembra interessante, poi mi piacciono i personaggi disegnati con la carnagione scura ** i mangaka usano quella tonalità grigiosa che mi piace un sacco e il marroncino nelle illustrazioni a colori, la trovo una tonalità affascinante (vengono fuori i miei fetish X°°°D).
    Ma l'edizione è Star giusto? Perchè nella scheda hai messo "edizione GP" ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cle <3 ho fatto un errore di distrazione XD Anzi di copia/incolla XD

      Ti devo però dire che gli zingari in questo manga sono raffigurati semplicemente con i capelli neri >__< niente carnagione diversa...E il fratello Mirko anzi ha pure i capelli chiari, te ne accorgi che è zingaro solo da come l'autrice lo veste.

      Elimina
    2. Di nulla ;) a volte capita! Anzi, se becchi qualche errore anche da me non pensarci due volte a segnalarmelo ;D

      NUOOOOO ;___; io speravo in una carnagione alla Serge di Kaze to Ki no Uta çAç/ mi accontenterò dei vestiti zingari XD

      Elimina
  4. Già alle primissime righe della tua bella recensione ho capito che questo manga doveva essere mio!!!
    Lo recupererò (è già in lista) e sono certo che mi piacerà, anche perché apprezzo quel che ho letto della Hara^^
    Che tu sappia hanno fatto un cartone animato su questa serie?
    Perché ricordo di aver visto qualcosa del genere diversi anni fa, cartone che tra l'altro mi era piaciuto parecchio!
    Sai se i volumi sono facilmente reperibili?
    Grazie e un caro saluto!
    Orlando

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessun cartone :( Nessun cartone è stato fatto per le serie disegnata dalla Hara, peccato vero?
      Si trova facilmente perchè è Star Comics ;) Anche se è uscito nel 2009 si trova come niente, fidati ;)
      Grazie a te ^__^

      Elimina
    2. Ho trovato i 3 volumi di Fostine a un prezzo convenientissimo e li ho presi.
      Presto ne inizierò la lettura! ^^
      Un carissimo saluto!
      Orlando

      Elimina
  5. Ciao, arrivo qui per caso e mi sono messa a leggere il tuo blog anche se non leggo molti manga.
    Non più perlomeno, perché in effetti questo manga l'ho letto da piccolina quando ancora pubblicavano i giornalini di Candy Candy (che ormai presumo sono antiquariato :D), però la protagonista si chiamava Luna . Era un'edizione bellissima, anche se in formato "giornalino".
    Devo andare a rovistare tra le mia (esigua) collezione e vedere se lo trovo....
    Intanto faccio un giretto da queste parti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao grazie mille! ^__^ Si conosco quell'edizione perchè ne parlano tanti siti internet dei giornalini di "Candy Candy" ma io ero troppo piccina o comunque non interessata alla lettura a quei tempi ;) Ho scoperto tutto alla fine degli anni 90 ;)

      Elimina
  6. Ciao!
    Ho aperto un blog dove discutere assieme di anime,manga, videogiochi e quant'altro
    Se ti va facci un salto ok?^^ qui --> http://shadeswebspace.blogspot.it/
    Bye :) e perdona lo spam >.<

    RispondiElimina