venerdì 4 aprile 2014

"Fà come ti pare" di Keiko Konno

Mi sono imbattuta in questo "Fà come ti pare", josei manga di 2 volumi edito dalla Planet, quasi per caso. Conoscevo bene la mangaka, Keiko Konno, poichè l'avevo seguita nel suo percorso di autrice "BL" di cui in italiano possiamo trovare tante cose.
Ero rimasta affascinata dal suo tratto, con i suoi protagonisti estremamente affascinanti e realistici. Non so come mai ai tempi snobbai questo two shot, sta di fatto che (essendo fuori stampa) l'ho potuto recuperare solo nell'usato e in questo E-bay mi è stato di grande aiuto.

Ogni albo è suddiviso in quattro o cinque capitoli con diverse protagoniste (due di loro le troveremo poi nel secondo volume).
La prima storia è quella di Asako, una donna che è praticamente la mantenuta di un uomo un po' piu' grande di lei di nome Makise. In Giappone c'è questo aspetto sulle amanti, in cui è spiegato che "un'amante" è mantenuta in tutto e per tutto da suo aiuto, l'aiuta economicamente ecc...in cambio lei deve sempre essere disponibile per lui. In ogni caso alla fine di ogni volume ci sono note di approfondimento davvero molto utili.
Quando Asako incontra Gakui, amico e collega di lavoro di Makise, tutto inizia a vacillare. Alla donna non sta piu' bene il suo ruolo di "amante" ma non vuole neanche intraprendere una relazione con Gakui, perchè perderebbe il lavoro. Questo suo comportamento metterà in crisi proprio Gakui, che non riesce a capire cosi passa nella testa della donna.

Il secondo racconto narra di Shuko, una 28enne che fa la governante in una casa abitata da una signora con il figlio 17enne. Shuko si accorge quasi subito che il ragazzo, Tetsuya, ha una cotta per lei....ma non avrebbe mai immaginato di innamorarsi a sua volta! E' così nasce una storia un po' sopra la righe, con questi due protagonisti con 10 anni di differenza. A volte la piu' ragazzina dei due sembra proprio Shuko, ingelosita da una gita scolastica che porterà Tetsuya lontano da casa. Di tutti i racconti questo è quello che mi è piaciuto di più, poichè l'ho trovato molto divertente.

Le altre storie sono meno riuscite, non perchè l'autrice non sia in gamba, ma (a mio modesto avviso) solo perchè aveva poco spazio per poter ampliare la narrazione.
Solo una storia non mi è andata giù, quella in cui una donna praticamente si riduceva a zerbino per il suo uomo, cominciando a dimagrire solo per lui (anche se il ragazzo non aveva detto nulla a riguardo, anzi era anche preoccupato) e facendosi mille pippe mentali.
Per il resto gli altri racconti sono tutti sopra la sufficienza, come ad esempio quel capitolo con una ragazza universitaria che dopo una delusione d'amore cocente decide di chiamare un host a domicilio perchè "non vuole piu' innamorarsi" tranne poi innamorarsi per davvero del ragazzo che si prostituisce.

Questi 2 volumi offrono uno spaccato sul Giappone che probabilmente noi ignoriamo. Una società in cui le amanti sono delle mantenute a tutti gli effetti (e quindi se le possono permettere solo uomini abbienti). Oppure il mondo degli host e delle hostess, questa compravendita di ore di sesso (o anche solo di parole, senza nessun atto sessuale) in cui i soldi sono il motore che catalizza tutto.
In una società tecnologica ma superficiale, dove i soldi regnano sovrani, con "Fà come ti pare" si assaporano i punti di vista di diverse ragazze/donne, tutte impegnata a cercarsi un posto nel mondo e a farsi strada nei sentimenti, spesso tortuosi.

Il tratto di Keiko Konno, come dicevo all'inizio, è davvero molto gradevole. I visi sono disegnati così bene da sembrare tridimensionali. Come spesso accade, le autrici che disegnano BL non sono abilissime a disegnare delle donne, e anche la Konno non elude la "regola". I maschi sono infatti sono realizzati meglio, mentre i personaggi femminili si assomigliano un po' tutti.
Gli sfondi sono poco curati, preferendo una focalizzazione sugli sguardi dei protagonisti. Purtroppo quest'autrice sembra inattiva dal 2007, un vero peccato!

L'edizione Planet Manga l'ho trovata curata, e a fine di ogni volume presenta un glossario con spiegazioni dettagliate su certi termini/situazioni che a noi occidentali paiono incomprensibili. La carta usata è buona, come lo è la traduzione. Il formato è 15x21 e il prezzo di 6 €, ma non è presente la sovra copertina.

Due volumi consigliati a chi ha un debole per i josei e a chi vuole capire qualcosina di più sull'intricata società giapponese.

"Fà come ti pare" [titolo originale: "Katte ni shiyagare"]
Volumi pubblicati: 2 (serie conclusa)
Pubblicato in Italia dalla Planet Manga.

Storia: 7
Disegni: 8,5
Edizione Planet Manga: 8




10 commenti:

  1. Senza andare così ne l dettaglio sull'argomento, in diversi manga ho visto trattare l'argomento (anche solo di sfuggita, magari) delle amanti mantenute (anche la mamma di Joji in Paradise Kiss è un'amante di questo genere. Non lavora ma ha una casa lussuosa ed è spesata al 100%). Credo che fondamentalmente il giapponese medio-salary man, non abbia proprio il tempo e la forza fisica per curare anche relazione extraconiugale XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però se ci pensi è molto "affascinante" questo concetto di "amante" che hanno loro. Nel glossario a fine volume è spiegato che amante si scrive "koibito" con il carattere "koi" che significa amore (o qualcosa del genere) xD Insomma questo tipo di amanti sono diversi dalle amanti classiche (amiche di scappatella ecc) poi come dici tu se le possono permettere solo un certo tipo di uomini, infatti secondo me in Giappone tra ricchi e gente modesta deve essere un divario allucinante!

      Elimina
  2. L' ho recuperato anch'io proprio perché di Keiko Konno ma ancora non l'ho letto T_T

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero troverai il tempo, secondo me ti rifarai gli occhi :P

      Elimina
  3. Mi attira molto l'immagine di copertina e la tua recensione mi ha molto incuriosito: credo proprio che questo two-shot potrebbe piacermi!
    Me lo segno, visto che tra poco c'è Torino Comics con le mitiche bancarelle dell'usato in cui spendere e spandere....ehm...
    Mi ha infine molto, molto interessato la parte diciamo così "sociale", perché mi rendo conto che davvero del Giappone non so nulla di veramente concreto...
    Certo coi miei amici giapponesi non potrei mai iniziare una conversazione su host e hostess in Giappone! XD
    Complimenti Caroline, riesci sempre a interessare! Grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie a te :*
      Si, se vuoi recuperarlo ti conviene proprio cercarlo a Torino Comics perchè purtroppo è fuori stampa! (come spesso accade ai manga made in Planet usciti qualche anno fa). Spero lo troverai, fammi sapere poi!

      Già, è molto interessante la parte sul "sociale" che nel manga è appena accennata però grazie alle spiegazioni a fondo volume, ti si apre praticamente un mondo xD

      Elimina
  4. Non avevo mai sentito nominare questa autrice *blush*
    Una curiosità...quali titoli BL suoi sono stati pubblicati in italia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono stati pubblicati per la Kappa Edizioni parecchi titoli^^ "Che Carino!" (2 volumi) , "Sei una stella" (v. unico) e "I love you mangaka" (v unico questo qui per la Ronin Manga).
      A me sono piaciuti tutti moltissimo questi volumi, sarà che sono innamorata del tratto dell'autrice ;)

      Elimina
    2. Ah li ho sentiti nominare ma non sapevo il nome della mangaka! :)
      Non li ho mai visti in negozio e sinceramente non li avevo mai cercati perchè mi sembravano storie un po' così...alla "il mio detective", carine ma nulla di imperdibile. Se a te sono piaciute così tanto, però, appena posso gli do una chance ;P

      Elimina
    3. E' proprio su un altro livello rispetto a "Il mio detective". Io ho scoperto il BL come genere proprio grazie alla Konno e a Yugi Yamada; probabilmente se avessi iniziato con altre autrici, come Nitta o Yamane, non avrei continuato a seguire questo specifica filone! Tra quelli pubblicati in italiano, ti consiglio ti recuperare soprattutto "Che Carino!": è una di quelle storie che non stanco mai di rileggere!

      Elimina