martedì 3 giugno 2014

"Alpen Rose" di Michiyo Akaishi

"Alpen Rose" è uno di quei pochi shoujo classici arrivati in Italia di cui non ricordo la controparte animata, vuoi perchè l'avevano trasmessa  una volta e mai piu' replicata o vuoi perchè semplicemente l'avevo rimossa dalla memoria.
In ogni caso ci troviamo davanti 8 volumi (9 nella versione giapponese, non capisco come mai in Italia ne sono giunti solo 8...eppure la storia è conclusa, sia chiaro!!!) che trasudano soap, intrighi e morti da tutti i pori, addirittura c'è un personaggio che risorge [Taylor di "Beautiful" ci fa un baffo!].
Il soggetto originale tra l'altro non era neanche male. Un'ambientazione fiabesca, la Svizzera, minata però dall'arrivo della Seconda Guerra Mondiale.
Ho letto le critiche piu' dure nei confronti di questa serie per l'ambientazione, che per molti era messa li solo per "contorno". A me invece è piaciuta molto e poi "Alpen Rose" non è mica un saggio di storia o una biografia su Hitler...Stiamo parlando di uno shoujo anni '80 con tutti gli stereotipi del caso, anzi sinceramente mi complimento con l'autrice per essere riuscita a gestire un'epoca così difficile con una storia abbastanza banalotta.
Tra l'altro non si parla minimamente di ebrei o campi di concentramento, perchè comunque buona parte del racconto è ambientato appunto in Svizzera, uno dei pochi paesi europei rimasti neutrali insieme alla Svezia.

In ogni caso "Alpen Rose" parla di Jeudi, una bambina che viene trovata da una famiglia in Svizzera. Jeudi parla solo tedesco (da qui il sospetto che possa essere austriaca) e il piccolo pappagallo che le sta sempre intorno dice di continuo "alpen rose".
Lundi, il figlio adottivo della coppia che trova la bambina, si affeziona subito a lei e con il passare degli anni se ne innamora. Dopo essere scappati dalla famiglia che li ha cresciuti (erano degli schiavisti che volevano solo arricchirsi) i due cercano di arrivare in Austria per ritrovare la vera famiglia di Jeudi. Il problema sta nel Conte di Gormeut, uno psicopatico che una volta che incontra per caso la nostra protagonista, ne rimane ossessionato e la vuole rapire a tutti i costi.
Quindi, oltre che a trovare i genitori di Jeudi, i due devono scappare dal Conte e dalle sue guardie. Nel loro percorso faranno tante amicizie: da Clara & Hans, al generale Guisan (realmente esistito), al reporter Robert...Tutti personaggi che contribuiranno bene o male nel creare delle sotto trame degne di una soap con la "S" maiuscola.

Dal volume 5 in poi assistiamo ad un cambio, ad un evoluzione della storia. Finito il primo arco narrativo, ne comincia un altro. Facciamo la conoscenza di Jean Jacques, fratello di Lundi (che lui OVVIAMENTE sapeva di non avere), veniamo a scoprire dei retroscena della famiglia di Jeudi (ma questo a dire il vero già sul finire del 4^ volume, se non erro) e poi tanto tanto amore, di quello da favola. I personaggi sono così zuccherosi da risultare stucchevoli. Lundi è il classico ragazzo bravo, gentilissimo, che si farebbe saltare in aria per dei perfetti sconosciuti. Jeudi invece è la classica eroina abbastanza sfigata da shoujo manga anni '80, di quelle bionde, belle ma un pochino sfortunate, di quelle che non si arrendono mai, che "l'amore puo' vincere ogni cosa" e non importa se c'è una guerra, se i nazisti probabilmente ti hanno ucciso i genitori e se il mondo sta andando letteralmente a scatafascio.

Il tratto di Michiyo Akaishi non è dei migliori. Voglio dire, rispetto ad altre autrici shoujo di quegli anni, il suo disegno non è all'altezza. Visi troppo spigolosi, corporature esili e tutte della stessa altezza. Gli sfondi e le ambientazioni però sono rese molto bene.
C'è da aggiungere che a partire dal quinto volume, con la crescita dei personaggi anche il suo tratto si evolve, migliorando notevolmente.

L'edizione Star Comics è ottima sotto il punto di vista della traduzione e dei vari adattamenti ma abbastanza strana per quanto riguarda il fatto di mandare un titolo del genere in edicola, ovviamente con un prezzo abbordabile ma sacrificando un'edizione di prestigio come è giusto che ogni  manga classico abbia, che sia shoujo o shounen poco importa.
Avrei preferito maggior cura in generale, dalla carta che fa abbastanza schifo alle copertine che non rendono molto giustizia (tra l'altro quella del volume 2 sembra che "zoommi" un'immagine della Sensei all'inverosimile e lasci intatti tutti i pixel.....ma avere delle immagini a grandezza normale era tanto difficile?).

In ogni caso consiglio questa serie solo alle amanti degli shoujo classici, quel tipo di shoujo dove abbondano lacrime, colpi di scena e magari a chi aveva visto la censuratissima serie anime e vuole finalmente leggersi la storia senza tagli.


"Alpen Rose - La Rosa Alpina" [titolo originale: "Alpine Rose"]
Volumi pubblicati: 8 (serie conclusa)
Pubblicato in Italia dalla Star Comics.

Storia: 6,5

Disegni: 7
Edizione Star Comics: 6,5.





12 commenti:

  1. Avevo rimosso di averlo (non l'ho ancora nemmeno letto).. oddio!
    Non so se mi piacerà.. gli shojo classici mi piacciono (non per nulla l'ho preso) ma non amo le lagne eccessive!
    Devo assolutamente scoprire dove l'ho conservato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è propriamente una lagna sia chiaro....è però forse troppo eccessivo in certi punti. Sinceramente di shoujo del genere ho letto di peggio, non te lo nascondo! Sennò non avrei dato nemmeno la sufficienza XD

      Elimina
    2. Ahahah.. dovrei davvero cercarlo.. giuro che a volte trovo titoli che avevo rimosso perchè ho delle librerie profonde dove ci stanno 3 file di manga e quello che resta dietro.. bè, ha bisogno veramente di scavi archeologici per essere ripescato!

      Elimina
  2. L'ho visto un paio di volte il fiera ma il mio istinto mi ha fatta fermare prima dell'acquisto. Dato che ci sono molti altri titoli classici che mi mancano, dopo aver letto la tua recensione mi sono convinta a passare del tutto ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai bene specialmente visto che devi recuperare altri classici ;)

      Elimina
  3. Non ricordo praticamente niente di questo manga, tranne la melensaggine dei protagonisti ed il mitico Conte di Gormeut! XD
    Mi è piaciuto molto di più Lady!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Conte di Gormeut ahahah XD

      "Lady!!" non l'ho preso per "pietà" mi ricordavo l'anime da bambina e volevo tagliarmi le vene....Sono 12 volumi se non erro, quella è la classica storia che va bene per 5-6 volumi massimo....Secondo me l'autrice ha allungato molto il brodo...o sbaglio??
      La GOEN al posto di "Lady!!" poteva portarci "Family" se proprio doveva portare un classico con la controparte animata...>_<

      Elimina
  4. Ho qualche vago, vaghissimo ricordo dell'anime, ma non credo che lo andrò a rispolverare XD!

    RispondiElimina
  5. Si infatti non ti perdi un'opera memorabile anzi...xD

    RispondiElimina
  6. ...quindi io che possiedo solo i primi 3 volumi non andrò alla famelica ricerca dei 5 mancanti?...
    Però devo dire che pur ricordando pochissimissimo di questi primi 3 volumi (l'anime non l'ho mai visto), ricordo che non mi erano dispiaciuti affatto! :-)
    "E allora perché ne hai interrotto l'acquisto?", mi si dirà; mi pare che ci fosse di mezzo un trasloco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha no secondo me lo devi leggere, tanto piu' che costano poco (e magari i restanti li trovi anche d'occasione). E' la classica storia piena di intrighi e intrallazzi, però ho letto di peggio (perchè sennò non sarei riuscita ad arrivare alla fine della lettura)^^.

      Elimina
  7. E vai con i drammoni! XD
    Che poi...succedeva sempre tutto in famiglia!
    Mi sa che questo lo passo...tanto di drammoni da recuperare ce ne sono tanti! XD

    RispondiElimina