lunedì 15 settembre 2014

Pagelle: "Moonlight Flowers" di Mutsumi Tsukumo + "Our Happy Hours" di Mizu Sahara

Titolo: "Moonlight Flowers"
Autrice: Mutsumi Tsukumo
Volumi: 1 (volume unico)
Genere: Josei/Shoujo-Ai
Editore: Inedito.

Trama: Sahoko è una ragazza di 25 anni in procinto di sposarsi. Una sera, durante una cena tra ex compagne di liceo incontra nuovamente Kaoru, sua vicina di banco nonchè suo "primo amore". Ho messo volutamente le virgolette poichè per Sahoko si era trattato di un sentimento confuso, al contrario di Kaoru che invece era sempre stata convinta di amare la ragazza.

Tornando al presente, le due iniziano a frequentarsi come amiche e Kaoru si offre di confezionare il bouquet per l'imminente matrimonio dell'amica (la donna gestisce un rinomato negozio di fiori).
Sahoko è sempre piu' confusa dopo aver rivisto la sua ex compagna di banco, ma il matrimonio combinato è alle porte...Segue la storia "Midnight Flowers" che racconta il passato di Kaoru, delle sue prime frequentazioni nel mondo lesbo e del suo primo (e mal riuscito) tentativo di stare con un ragazzo.

Consigliato? Sì, i disegni di Mutsumi Tsukumo (autrice famosa per aver realizzato negli anni '70 il manga tratto dal romanzo "Via col vento") sono molto maturi e si accostano benissimo sul tipo di storia proposto. Il tema dell'omosessualità è descritto e trattato molto bene, sebbene certi dialoghi potrebbero lasciare basiti i lettori (c'è da ricordare che l'omosessualità, specie in Giappone e in particolar modo negli anni '80 - periodo di ambientazione della storia- non era assolutamente ben vista).

Un po' meno riuscito il racconto "Midnight Flowers" che vira sul drama abbastanza gratuito, ma rimane comunque una gradevole lettura.

Storia: 8

Disegni: 7,5





Titolo: "Our Happy Hours"
Autrice: Mizu Sahara (disegni)  e Ji-young GONG (soggetto originale)
Volumi: 1 (volume unico)
Genere: Seinen
Editore: Inedito.

Trama: Juri è una pianista, ragazza-prodigio in gioventù, orfana di padre e con un conflittuale rapporto con la madre. Abbandonato il piano dopo essere stata stuprata dal suo tutore, ha tentato di suicidarsi per ben tre volte. Grazie a sua zia, Suor Monica, incontra il tre volte assassino Yuu, orfano di un padre alcolista e con un fratello cieco suicidatosi per non essere un peso. Legati dal dolore e dalla sofferenza, Yuu e Juri cercheranno insieme di ritrovare la speranza di andare avanti. [da Animeclick]

Consigliato? Assolutamente Sì! Sebbene la storia ha una piega abbastanza triste e tratti argomenti pesantissimi (omicidio, violenze e quant'altro) la storia del carcerato Yuu e della problematica Juri tocca il cuore, regalandoci un racconto abbastanza realistico e senza mai cadere nel banale (nonostante appunto i temi trattati). 
Vi dico solo di preparare i fazzoletti, perchè ce ne sarà bisogno! Bellissimi come sempre i disegni di Mizu Sahara (conosciuta in Italia per "My Girl"), con una particolare attenzione per gli sfondi (e l'uso dei retini).

Storia: 9
Disegni: 9


6 commenti:

  1. Come sempre, segnalazioni di tutto conto ^_^.
    Se lo pubblicassero da noi, sicuramente proverei "Our Happy Hours"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra l'altro strano che non l'abbiano pubblicato! È abbastanza conosciuto come titolo, probabilmente "My Girl" non ha venduto bene. ..Grazie a te per essere passata da qui ;)

      Elimina
  2. Our Happy Hours dalla trama proposta da animeclick mi sembrava uno di quei drammoni che gridano "traGGGediaH" da tutti i pori XD ma il tuo commento mi ha messo curiosità poi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una storia che affronta argomenti pesanti, ma i veri drammoni li trovi nei miei adorati shoujo anni 70 e 80 xD più che altro perché sono drammi "gratuiti" in questa storia invece tutto fa il suo corso.

      Elimina
  3. Moonlight Flowers l'ho letto tantissimi anni fa, quindi ho dei ricordi piuttosto vaghi. Ricordo che mi piacque abbastanza, e che trovai i disegni un pochino...come dire? Legnosetti! Però "Via col vento" mi piacerebbe tanto leggerlo!

    Per quanto riguarda il manga della Sahara Mizu... Beh, ho un rapporto un po' "difficile" con questa autrice, anche se vedo che la storia non è sua (è scritta da un coreano? E allora ci credo che è drammaticissima XD).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Yue, a me hanno ricordato i disegni dell'ultima Suzue Miuchi ;)

      Sì il nome credo proprio che sia coreano e infatti la storia è molto pesante, però il volume si legge senza troppe oppressioni, davvero un bel lavoro.

      Elimina