lunedì 1 febbraio 2016

Mes lectures en français pt.4

"Hana Boro" mi ha fatto conoscere questa deliziosa autrice a me sconosciuta, Hisae Iwaoka. Questa mangaka ha un tratto molto particolare: disegni i personaggi in modo molto puccioso, con corpi non proporzionati alle teste, che sono molto rotonde e abbastanza grandi. Insomma, dei disegni molto kawaii (lasciatemi passare il termine)^^, originali e che non incidono sugli sfondi, davvero molto curati.
In "Hana Boro" ci immergiamo in 10 storie brevi, che si possono collegare tra loro poichè ambientate nella stessa scuola, ma con protagonisti diversi ad ogni capitolo (che comunque si intravedono, anche solo come comparse, nelle altre storie).
L'elemento predominante è l'insicurezza sul futuro: "cosa faro' dopo il liceo?". La storia che piu' mi è piaciuta è quella dell'insegnante in pensione che viene richiamato ad insegnare per un breve periodo. L'anziano maestro è eccitato da questa nuova avventura, e insieme ai suoi giovani alunni, va alla ricerca del suo primo amore.
Tra un ragazza che dopo essersi fatta male alla schiena cerca un'altro club a cui iscriversi (e troverà inaspettatamente nel canto la sua nuova passione), ai due amici che lavorano part time in un konbini fino alla ragazza che fa parte del club della cerimonia del tè, la Iwaoka ci mostra sfaccettature dei giovani (e degli insegnanti) alle prese con la vita di tutti di giorni.
L'edizione KANA come al solito è molto curata, con un approfondimento a fine volume sull'autrice. L'albo è come al solito un 15x21 che rende davvero giustizia alle belle tavole.

Storia: 7,5 (somma di tutti i racconti)
Disegni: 8
Edizione Kana: 9.



Molto spassoso il volume unico "Una Longue Route" [Una Strada Lunga] di Fumiyo Kono, autrice conosciuta in Italia per lavori come "Kokko San""Hiroshima nel paese dei fiori di ciliegio".
Archiviate le atmosfere drammatiche di questi lavori, "Una Longue Route" ci regala un bella serie di eventi con protagonisti i giovani sposi Michi & Sosuke. I due si sono sposati solo perchè il padre di lui, ubriaco, ha combinato il tutto per levarsi di torno il figlio fanfarone e buona a nulla. Effettivamente Sosuke è proprio così: zero voglia di lavorare, scommettitore ai giochi d'azzardo e come se non bastasse gran marpione. Michi invece vive con la testa tra le nuvole, è abbastanza ingenua e lavora part time presso un ristorantino.
Il tomo è diviso in una cinquantina di capitoli corti, non piu' lunghi di 3 pagine, dove ogni volta vengono analizzate diverse dinamiche, come ad esempio ritrovarsi senza la luce e il gas visto dopo non aver pagato le bollette oppure i tentativi di Sosuke nel non-trovare un lavoro.
Il titolo puo' essere un riferimento al fatto che "ci vuole tempo" per i due affinchè si innamorino, infatti risultano proprio una coppia altamente improbabile.
Molte le scenette comiche e ci sono anche diversi capitoli "muti", dove non ci sono dialoghi ma sono le vignette a parlare al lettore.
In questo caso, l'edizione KANA regala una bella illustrazione a colori iniziale piu' qualche pagina a colori in mezzo all'albo. Le pagine totali sono circa 220.

Storia: 8
Disegni: 8,5
Edizione Kana: 9,5.



7 commenti:

  1. "Hana Boro" lo comprerei soltanto per la copertina, talmente la trovo deliziosa e accattivante! :-)
    A conferma, sono andato a cercare in rete qualche immagine di questo manga e trovo assolutamente irresistibile lo stile di Hisae Iwaoka!
    Non sono mai stato un grande fan dei racconti brevi, ma le ambientazioni scolastiche mi hanno sempre attirato (probabilmente anche per un fattore nostalgico).
    Se di "Hana Boro" ne facessero un'edizione italiana, la comprerei immediatamente!!! :D
    Di Fumiyo Kono ho sempre voluto recuperare "Hiroshima nel paese..." perché sono certo che mi piacerebbe.
    Il manga di cui parli - Una strada lunga - mi da l'idea di essere profondamente radicato nella cultura e nella vita giapponese e questo potrebbe essere, ai miei occhi, sia un pregio che un ostacolo, nel senso che un ambientazione prettamente peculiare benché affascinante da un senso di "estraneità" che può essere straniante...
    Però è anche vero che le relazioni umane sono più o meno le stesse in qualsiasi parte dl mondo e in (quasi) ogni cultura.
    Complimentissimi per le tue recensioni!
    A presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Orly :3
      Della Iwaoka trovi due volumi unici in sc** in italiano!! Oltre che in inglese ovviamente. Invece di Hana Boro nisba!

      Della Kono ho trovato molto bello il fatto che si sia "buttata" in qualcosa di abbastanza comico e scanzonato, cosi' da non essere etichetta come l'autrice "delle tragedie e dei drammi". E ci è riuscita molto bene, con questa coppia molto improbabile ;)
      Grazie ancora dei complimenti, baci!

      Elimina
  2. Fumiyo Kono (a mio parere una grandissima autrice) la adoro proprio nelle storie più leggere e divertenti, in stile kokko-san. Quindi sono quasi certo che Una Longue Route mi piacerebbe moltissimo! Hisae Iwaoka fa cose pucciosissime (tipo Nekomichi!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah Kokko San è più sulla commedia? Sai che non l'ho letto? LOL. Se lo trovo su Amazon molto scontato lo prendo.
      Neko Michi l'ho sc****to ma lo devo ancora leggere, sembra molto carino :3

      Elimina
    2. Sì, è uno slice of life molto buffo e divertente! Oddio, non che ricordi tantissimo ma mi piacque molto.
      Ecco, adesso mi hai fatto ripensare alla ronin...che amarezza! -___-

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Quanto mi piacerebbe leggere altre opere di Fumiyo Kono... Kokko-san era pure molto carino, leggero e simpatico (dò ragione a Yue!)

    RispondiElimina