lunedì 6 marzo 2017

"Jeux d'enfant" di Minami Q-ta

"Jeux d'enfant" [Gioco da ragazzi] è un josei volume unico pubblicato per la prima volta in Giappone nel 2003.
Parzialmente biografico, narra le vicende di Jun, dapprima bambina delle elementari fino a quando ha circa 22 anni (nei capitoli finali).
Da sempre un maschiaccio, Jun preferiva di gran lunga la compagnia di Yusuke, suo coetaneo, rispetto a quella delle altre bambine.
Tra prove di coraggio, ricerche di animaletti nel fiume e quant'altro, le giornate della protagonista trascorrono spensierate e prive di pensieri.

Nei successi capitoli, vediamo Jun alle prese con la scuola: è San Valentino, ma la ragazza non sembra essere interessata a nessuno, cosa totalmente diversa rispetto ad Akemi, la sua amica del cuore.
Da qui si inizia ad evincere la passione di Jun per i manga, visto che li legge volentieri ed è affascinata dai disegni bellissimi della sua amica.
Anche grazie alla sua altezza superiore alla media (sui 176 CM), Jun è contesa dai vari club sportivi, ma sembra non esserne affatto interessata.
Proverà comunque con successo il ping-pong e la corsa.

Si passa poi agli anni dell'università, ma la ragazza non ha la minima voglia di studiare. Fa amicizia con una certa Konno, una ragazza molto mascolina che le chiede di farle da protagonista per un progetto di cortometraggio a cui sta lavorando.
Jun non ha niente da perdere e accetta, e in lei affiora sempre piu' il pensiero che l'università non è un posto adatto per le sue esigenze.

Negli ultimi capitoli vediamo una Jun cresciuta, che lavora part time in un bar. Qui farà la conoscenza di vari soggetti (abbastanza strani) e sarà introdotta la sua relazione con Isesaki, uomo molto piu' anziano di lei e sposato, ma con cui capisce che non potrà avere un futuro.

Stanca di tutto e complice un intervento d'urgenza all'ospedale, Jun decide di lasciare il lavoro e iniziare a disegnare manga, la sua prima passione. Inizialmente i suoi lavori vengono rifiutati, ma la ragazza non demorde. Le viene offerto di fare d'assistente per un giovane mangaka e intanto lavora in un bar/ristorante.
Una sua collega le fa notare che ad un tavolo di sono degli editor che discutono di manga e, dopo le presentazioni, Jun ha un colloquio.
Il suo lavoro verrà successivamente approvato e sarà pubblicato.


cover giapponese
Ho trovato questa semi-biografica molto carina, ma nulla piu'...forse gli eventi sono stati descritti in maniera troppo veloce, e all'inizio probabilmente potevano incentrare di piu' l'infanzia di Jun con la sua passione per il disegno o comunque per la lettura dei manga, cosa che invece è stata narrata molto velocemente.
Anche i vari capitoli sembrano volare via troppo in fretta, lasciando una sensazione di "incompiuto".

I disegni di Minami Q-ta sono belli, nella media dell'autrici josei che generalmente serializzano i loro lavori per la rivista "FEEL YOUNG" di Shodensha.
Molto bello l'uso dei retini e le proporzioni realistiche dei vari personaggi.

L'edizione Casterman della collana "Sakka" presenta una sovra copertina e un bel formato 15x21, che rende giustizia ai disegni. Anche la carta usata è buona.

In definitiva, è un manga che affronta le fasi della crescita, come spiegherà poi la protagonista dicendo che "ha cambiato tot lavori, ha fatto tot traslochi, ha cambiato tot ragazzi" e da qui si evince che il titolo, "gioco da ragazzi" è proprio riferito a questi aspetti, poichè fare tutte queste cose non è mai semplice, non è appunto un gioco da ragazzi decidere di cambiare vita in continuazione.


Storia: 7
Disegni: 8

Edizione Casterman: 8,5.

2 commenti:

  1. Di storie (auto)biografiche credo di non averne letta nessuna in formato manga perché non mi hanno mai attirata molto, soprattutto quando sono di autori molto contemporanei. Ho segnato il nome dell'autrice però, anche perché se non sbaglio ne hai già parlato bene :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si lei è brava, in Italia è arrivato solo un suo volume e tra l'altro abbastanza trascurabile...Ma ha fatto molti altri lavori degni :)

      Elimina