martedì 19 settembre 2017

"Otherworld Barbara" di Moto Hagio


Quello che mi apprestero' a scrivere non sarà semplice poichè "Otherworld Barbara" ("Barbara Ikai" in giapponese), è una storia parecchio complessa e con molti riferimenti e collegamenti. Il josei manga che originariamente è stato pubblicato nel 2003 in 4 volumi (2 volumoni nell'edizione statunitense...ma ve ne parlerò alla fine), ha vinto il prestigioso premio Nihon SF Taishō Award nel 2006.
La storia inizia in un luogo insolito, un'isola chiamata Barbara dove protagonista è una bambina di nome Aoba che non si separa mai dai suoi amichetti Taka e Pine.
Aoba è stata cresciuta da Maaya, una signorona che sforna pancakes come se non ci fosse un domani e dove, con un po' di ingegno, si puo' fluttuare nell'aria e parlare con varie creature.
I ragazzini sono amici di Senri, un ragazzo dai capelli molto lunghi che è una specie di oracolo e sa interpretare il linguaggio dei sogni. Il ragazzo spiega loro che i sogni sono dei messaggi dal futuro prossimo e dal passato lontano.

Dal secondo capitolo, ambientato nel "presente", facciamo la conoscenza del protagonista indiscusso del manga, ovvero il  professor Tokio Watarai che ha come abilità quella di entrare nei sogni delle persone.
Verranno presentati anche il figlio di Watarai, lo sfuggente Kiriya e il simpatico professor Daikoku che io ho ribattezzato "Santa Claus" per via del suo aspetto.
Watarai non vedeva Kiriya da 3 anni ed è tornato a Tokyo da Hong Kong dopo un lavoro, ma non ha molto tempo da perdere poichè Daikoku gli commissiona già un lavoro importante: analizzare i sogni di una certa Aoba, che dopo un'incidente avvenuto quando aveva 9 anni, non si risveglia piu' dalla bellezza di 7 anni. E' caduta in un sonno profondo e sembra non potersi piu' risvegliare.
Così Watarai entra nei suoi sogni tramite un macchinario complesso che si trova in un centro neurologico all'avanguardia in una zona fuori Tokyo, e mentre lui entra nei sogni i colleghi possono vedere le immagini che Watarai filtra attraverso il cervello e ad un certo punto i medici vedono sui monitor un'isola, e nei sogni di Aoba, dove il Dottore ha accesso, la ragazzina è rimasta quella bambina che si vede nel primo capitolo.

Facendo delle ricerche su Aoba, Watarai scopre che nel 2045 a Shibuya i genitori della ragazza furono trovati brutalmente uccisi e i loro cuori rimossi e mangiati. Il sospetto è che è stata proprio la figlia a perpetrare questo violentissimo omicidio.
Watarai fa conoscenza della nonna di Aoba, Nanami, una signora molto volubile che senza mezzi termini si augura che la nipote muoia e non si svegli piu', visto che le ha portato via la sua unica e preziosissima figlia.

Una volta tornato a Tokyo, Watarai incontra suo figlio Kiriya e scopre che la forma dell'isola di Barbara è niente poco di meno che la mano di suo figlio scannerizzata e ritoccata con dei filtri. Kiriya spiega al padre che ha fatto questa cosa perchè ha bisogno di un luogo sicuro in cui rifugiarsi, seppur si tratti di un posto fittizio. Il ragazzo infatti soffre di solitudine e ha iniziato a fare degli strani sogni, dove protagonista è proprio Aoba, che entra in contatto con lui.
Intanto  Watarai scopre che Ezra, il marito di Nanami nonchè nonno di Aoba, è uno stimatissimo professore che ha inventato delle cure contro l'invecchiamento (chiamate anche esse Barbara) ma soprattutto che Ezra e Johaness (ovvero un tedesco pseudo prete che lui e sua moglie avevano incontrato in Germania, dove Watarai studiava) sono la stessa persona.
All'epoca, Johaness e la moglie di Watarai avevano avuto una relazione.

Kiriya continua a fare sogni su Aoba, e lei chiede al ragazzo di dire a suo padre che non deve assolutamente interferire nei suoi sogni. La ragazza promette a Kiriya di vivere in un mondo dove nessuno è abbandonato e tutti sono in pace con il mondo, cosa che appunto per Kiriya è un miraggio visto che all'epoca la madre lo aveva quasi abbandonato e lasciato ai nonni e il padre era sempre assente per lavoro.
Per ottenere questa oasi di pace pero', Aoba dice al ragazzo che dovrà uccidere suo padre.

Intanto una conoscenza di Watarai, il dottor Mejiro, muore misteriosamente sbalzato via da un tornado proprio la stessa notte in cui Kiriya fa il sopra citato sogno su Aoba. Mejiro lavorava al caso di Aoba,  e alla veglia funebre Kiriya conosce suo figlio Mashiro che ha un video dove appare Aoba da piccola (è il video registrato dai colleghi di Watarai quando lui era entrato nei sogni della ragazza).
Nel frattempo Nanami, dopo aver fatto un trattamento  anti età speciale svolto in una clinica, si risveglia in un corpo molto piu' giovane e con quasi un'altra personalità, chiamata Marianbed. La donna, nel suo nuovo aspetto, seduce Watarai e si invaghisce di lui.

Nello stesso tempo, alla facoltà universitaria di Kiriya, si presenta un ragazzo che dice di chiamarsi Paris e di venire da New York. Quando Paris vede Kiriya quasi gli prende un colpo: inizia a chiamarlo Taka e gli chiede se lui si ricorda di Pine, ovvero di Paris....come mai questo collegamento con l'Isola di Barbara e i suoi abitanti?

"Otherworld Barbara" è un manga sci-fi ambientato sia nel futuro che in un modo ancora piu' distante, un luogo fittizio. In questo lavoro vengono trattati vari argomenti, come l'invecchiamento e il ringiovanimento delle cellule e ci sono delle analogie tra Barbara e Marte, spesso citato durante il manga.

Il tratto di Moto Hagio è molto curato e preciso, e la donna non ha remore a disegnare persone anziane o persone obese (ditemi  voi in quali altri manga i co protagonisti sono grassi o poco attraenti). In un mondo  dove la  bellezza esteriore è tristemente il fulcro di tutto, la Maestra Hagio ci regala un cast molto variegato e anche parecchio realistico, sebbene con certe libertà visto che ovviamente la storia è ambientata in un futuro abbastanza prossimo.

L'edizione Fantagraphics consta di  2 volumoni grossi (17x24) di bellissimo aspetto e con 400 pagine l'uno. Sono presenti pagine a colori, rese molto bene nel processo di stampa e la traduzione è ottima. L'unico neo è che l'editore ha usato come illustrazioni di copertina delle tavole della Hagio e non dei disegni veri e propri. Ditemi voi se  questa o questa possono essere giudicate delle belle cover o comunque delle copertine che invogliano  all'acquisto XD
Non capiro' mai la loro logica!

Consiglio "Otherworld Barbara" a chi ama le storie complesse ma che non si perdono, in cui tutto viene comunque spiegato e nulla viene lasciato al caso.
Tra l'altro il genere sci-fi non è abusato, poichè non si vedono  astronavi , teletrasporti o cose del genere. La Hagio ha creato un futuro parecchio verosimile.


Storia: 8,5
Disegni: 9,5
Edizione Fantagraphics: 9,5





12 commenti:

  1. Come sai punto a recuperare diverse opere della Hagio perché mi interessa moltissimo! Un giorno spero di poter leggere anche questo (quindi ho saltato la parte finale della trama per non farmi troppi spoiler ^_-).
    In effetti le cover non sono un granché... Molto meglio quella di Thomas no Shinzou!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai tranquilla, non ho fatto spoiler ho parlato solo dei primi due volumi giapponesi, che corrispondono al primo vol americano. Ovviamente certe cose ho dovuto scriverle perché sennò non si capiva nulla xD (già la trama è complicata di suo LOL).

      Elimina
  2. Ne avevo sentito parlare pochi giorni fa e già mi aveva abbastanza incuriosito.
    Sono sincero, non amo il genere sci-fi ma per fortuna non è così sci-fi, come giustamente fai notare.
    Poi c'è la componente onirica che mi fa impazzire.
    E, per quanto riguarda quel che hai detto, vero: non è da tutti disegnare protagonisti poco attraenti.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao ^^ Vero , l autrice non ha abusato del genere sci fi (che tra l altro non piace neanche a me) e appunto come dici tu, ha disegnato una storia onirica che *mooolto lontanamente * ricorda "Proteggi la mia terra ". I disegni sono molto originali ed espressivi e appunto ho apprezzato questo fatto di disegnare personaggi con canoni estetici normali , non i soliti Belloni o ragazze da copertina. Ci sono anche molti personaggi di mezza età. Buona giornata ^.^

      Elimina
  3. No, non sono delle belle cover! XD
    E ancora mi domando perché non hanno usato illustrazioni a colori della Hagio! Ma a parte questo, concordo, è una bellissima edizione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahaha oh God ma cosa avevano in mente i tizi della Fantagraphics quando riuniti hanno scelto che Cover usare ? Erano forse drunk 😮? Ma soprattutto, l'editore giapponese come ha fatto ad approvare una cosa del genere? Domande a cui non avremo mai risposta XD

      Elimina
  4. Io continuo nella mia ostinazione (sciocca, lo so) a non voler più prendere opere in altre lingue che non siano l'italiano.
    Ho milioni di fumetti in inglese da leggere in casa e, francamente, anche se non sono più a livelli puramente da principiante, leggere un volume in un'altra lingua per me è sempre una gran fatica. Sarà che con l'età mi sto impigrendo :)) Insomma, in questo momento ho proprio il rifiuto...
    Certo è che la Hagio mi piace moltissimo e che la trama che hai descritto [ho letto tutto!] mi intriga parecchio.
    C'è anche da dire che non so dove compri tu Caroline, ma su amazzonia i due volumi costano veramente uno sproposito!!!
    E direi che questo taglia la testa al toro, purtroppo.
    Complimenti per la recensione, bella e approfondita come sempre!
    A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Orly ^.^

      Sicuramente leggere in una lingua che non è la tua lingua madre non è la stessa che leggere in italiano. Io compro relativamente poco, per cui quando qualcosa di interessante viene pubblicato in USA o in Francia, lo compro al 90% dei casa (in francese però solo volumi unici o mini serie).
      Hai ragione i prezzi sono assurdi, ok che l'edizioni sono davvero di lusso però il volume 2 l ho pagato la bellezza di 34€ una cosa che cmq farei soltanto con la Hagio, che è la mia mangaka preferita e che cerco di supportare in mille modi diversi. Grazie per aver letto tutto, sei stato davvero molto paziente *_* baci baci.

      Elimina
  5. Bello, bello, bello e un'ottima edizione come quelle tipiche della Fantagraphics: peccato solo per il prezzo.... l'ho in wishlist da tanto... vedremo se prima o poi mi deciderò a comprarlo... Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero tu ti decida presto :) è vero il prezzo è alto, pero'ne vale la pena! Baci!

      Elimina
  6. Ma che recensione "WOW"! Da quando tu e yue mi avete fatto vedere il secondo (o primo?) volume della Fantagraphics mi è venuta l'acquolina. Effettivamente la cover del primo volume è un po' inquetante con sfumature horror XD.

    Editori italiani, continuate così eh! Tra quello che pubblica pessime jumpate e quell'altro che ha i diritti di ottimi manga ma li pubblica con il contagocce, siamo messi un po' male... Ad ogni Lucca prego sempre per la Hagio, la Takemiya ma questo dio crudele (cit.) lo è tanto.

    RispondiElimina
  7. Carolineeee!
    Un award per te!

    http://breakfast-pancakes.blogspot.it/2017/10/blog-blogger-recognition-award-2017.html

    Bacioni

    RispondiElimina