giovedì 4 gennaio 2018

Premio "My Cup of Tea 2017"



Un altro anno e passato, ed eccoci quindi arrivati alla quarta edizione del premio "My Cup of Tea". Questo premio è nato tre anni fa, con lo scopo di celebrare non l'opera più bella dell'anno di riferimento (troppo facile) ma piuttosto, quella che più vi ha sorpreso, contro ogni aspettativa e pregiudizio .  Per opera intendo qualsiasi cosa: fumetto, serie tv, film, libro, e quant'altro (ad esempio, volete dare la tazzina ad un blog? Potete farlo!) . E potete fare anche premiazioni multiple, per ogni tipologia (quindi un film, una serie tv e così via). Non ci sono scadenze, cari amici blogger, ma se partecipate fatemelo sapere. E se non avete voglia di scrivere un post sul vostro blog, assegnate le vostre tazzine nei commenti qui sotto! 

Libro: la mia cup of tea va a "I figli della libertà" di Marc Levy, storia di adolescenti/giovani uomini e donne che fanno parte di vari gruppi di Resistenza durante la Seconda Guerra Mondiale nella Francia occupata dai nazisti. 
Pur amando tantissimo i  romanzi con ambientazione "occupazione nazista/shoa/drama durante gli anni 40" avevo paura che  la storia di un gruppo di "resistenti" risultasse noiosa, visto le varie connotazioni politiche. Invece è  un romanzo che mi ha presa tantissimo, mi sono affezionata molto al protagonista e al suo gruppo di amici. Per fortuna il finale non è cosi' terribile come pensavo, e questo gli ha fatto decisamente guadagnare punti.


Serie Tv:  non l'avevo manco presa in considerazione visto che il piu' ben famoso sequel (sto parlando di "The Big Bang Theory") l'avevo trovato ripetitivo e un po' scemotto (chiedo scusa ai tantissimi fan di  questa sit-com).
Invece il prequel, intitolato  "Young Sheldon", è riuscita a conquistarmi  grazie ad un fattore importantissimo: non è costruito come una  sit-com,ovvero non ci sono quelle stupide risate "fuori campo"  e via dicendo. L'attore che fa il piccolo Sheldon è molto bravo, e si chiama Iain Armitage: l'avevamo già visto in "Big Little Lies" nel ruolo di Ziggy.
Un'altra presenza importante (nonchè mio personaggio preferito) è la nonna, a cui presta il volto Annie Pots, famosa per essere la Jasmine dei due film cult anni '80 "Ghostbusters".



"Au fil de l'eau"
Manga: "Au fil de l'eau" di Aoi  Ikebe, volume unico josei  edito in Francia che Yue Lung mi ha gentilmente regalato per il compleanno.
Traducibile come "Seguendo la corrente", il volume parla di una vecchietta che sta appunto seduta su una panchina a due passi dal fiume e passa le giornate osservando l'acqua  scorrere, fantasticando di una vita dove  era  la cameriera  a servizio di una famiglia in stile "Piccole donne", con sorelle diverse tra loro e con diverse esigenze.
Quando cala la sera, la vecchietta torna nel suo appartamento e legge libri oppure ascolta musica di moltissimi anni prima.
Insieme alle sue vicende sono narrate quelle di un ragazzino che la passa sempre per  la strada che costeggia il fiume e che la vede spesso, chiedendosi come mai a quella vecchietta piace cosi' tanto starsene seduta immobile.
Oppure la vicenda dell'uomo che abita vicino all'anziana, un operaio di una fabbrica che produce lenti per occhiali e che spesso compra vinili.
Mi ha molto stupita  il tratto della Ikebe,così leggiadro e delicato. Gli sfondi sono davvero incantevoli. 



Musica: beh, il gruppo trip hop Lamb vince su tutti! Scoperti tantissimi anni fa  grazie ad una serie tv che aveva la loro hit "Gorecki" come colonna sonora, mi  ero accontentata ad un primo momento solo di ascoltare il suddetto pezzo e "Lullaby", altra  canzone che si sentiva nella serie.
L'estate  passata, in preda alla noia e  al mio stato "non ho voglia di  fare nulla, tranne ibernarmi in Islanda", mi sono scaricata tutta la loro  discografia e ne sono rimasta estasiata, tanto che sono stati la mia colonna sonora estiva (in barba a "Despacito" , a Fedez & J-Ax e  via dicendo).
Gli album che piu' vi consiglio? "What Sound" (2001) che contiene le hit "Gabriel" e "Heaven" . Poi "5" del 2011 in particolar modo i pezzi "Butterfly Effect" e "Build A Fire" e "Backspace Unwind" del 2014 che contiene "As Satelittes Goes By" e la bella title track.

12 commenti:

  1. Il manga sembra davvero tanto bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è molto evocativo, davvero una bella sorpresa :)

      Elimina
  2. Marc Levy? Quel Marc Levy che scrive le commedie romantiche? Ma tu pensa!

    Io detesto cordialmente The Big Bang Theory, e di conseguenza -anche se sembra grazioso- eviterò come la peste Young Sheldon.

    Au fil de l'eau è il tipo di manga che mi fa impazzire, ma forse ho sbagliato a regalartelo (magari avresti preferito qualcosa di più movimentato e sostanzioso nella trama). Purtroppo è un'errore che faccio spesso (quello di regalare cose che piacciono a me agli altri, senza tenere conto dei LORO gusti XD).

    I Lamb!!!! Anch'io li ho scoperti con Gorecki, e dovrei avere ancora il cd di "What Sound" da qualche parte. Negli ultimi anni li ho un po' trascurati, ma recupererò sicuramente i due album da te consigliati.

    Anche quest'anno, grazie per aver partecipato alle tazzine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si esatto proprio lui...tra l'altro io manco lo conoscevo ma credo sia abbastanza famoso.

      No scusa ma perchè ti sei messo in testa che non mi piace "Au fil de l'eau" ?
      1) Non l'avrei messo nelle tazzine come opera che mi ha sorpreso in senso positivo
      2)è un josei fatto da un'autrice che cmq avevo sott'occhio.
      3) se mi regali un manga josei di una rivista come si deve (in sto caso "Elegance Eve") o un seinen slice of life, stai tranquillo che mi piaceranno XD

      Spero che questi 3 punti abbiano chiarito la situazione :* :*
      Piuttosto tu non hai ancora letto il mio regalo ç_ç

      Elimina
    2. No, mi sono spiegato male. So che l'hai apprezzato, ma in francese ci sono così tanti bei volumi che alla fine ho optato per Au fil de l'eau basandomi unicamente su quello che avrei voluto leggere io (e magari, c'erano altri volumi che avresti apprezzato ancora di più!).

      Elimina
    3. E alla fine hai fatto bene, perchè calcola che moltissimi volumi unici li ho,solo che non li ho tutti messi su Instagram quindi a meno che non chiedi espressamente,non potevi sapere se li avevo o no ^_^

      Elimina
  3. The Big Bang Theory lo seguicchiavo quando lo facevano in tv e come passatempo non mi dispiaceva, anche se non l'ho mai visto con costanza e le sit-com mi annoiano dopo pochi episodi xD young sheldon potrebbe essere carina, ma ho serie più urgenti da recuperare quindi cadrà presto nel dimenticatoio XD

    Il romanzo sembra interessante, anche se preferisco altri periodi storici di solito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ovviamente tu hai mooooolto altro da recuperare :3

      Ognuno ha il suo fetish per i periodi storici XD

      Elimina
  4. Umh, hanno optato per una scelta diversa, dunque, con Young Sheldon: interessante.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si infatti, e ho letto che l'hanno appena rinnovata per una seconda stagione ^_^

      Elimina
  5. Se avessi scommesso che avresti scelto "young sheldon"... avrei perso XD! Ho puntato tutto sul chic-supertrash di Dynasty ^^.
    Ho abbandonato TBBT alla 4 stagione, niente, non mi faceva ridere e nemmeno sorridere, tuttavia vorrei vedere young sheldon per curiosità e per la presenza di Annie Pots (da piccolo avevo una cotta segreta per janine, amavo il suo essere sfigata)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma le tazzine devono essere assegnate ad opere che ti hanno sorpreso,io sapevo benissimo fin da subito (dal primo trailer) che Dynasty l'avrei adorato....XD

      Mentre su Young Sheldon non avrei scommesso manco 2 cent.

      Elimina